Cina: robot aggrediscono operai in una fabbrica di aerei

Social Sharing

Quattro operai morti e ventisette feriti, questo il drammatico bilancio del disastro che ha coinvolto una fabbrica di aerei in Cina, nella provinca del Sichuan.

Secondo le fonti, alcuni dei robot che stavano lavorando alla catena di montaggio sarebbero spontaneamente impazziti, aggredendo gli operai che li stavano controllando. Nessun tentativo di interrompere la corrente è servito, solo l’intervento dell’esercito cinese ha messo fine al massacro.

I robot in questione erano stati installati l’anno scorso per assemblare in catena di montaggio alcuni dei componenti che vengono installati sugli aeroplani di tutto il mondo. In particolare, si trattava degli ugelli di svalvolamento per l’irrorazione di gas alla quota standard di 1561 metri.

La ditta produttrice dei robot dichiara che questo incidente non ha precedenti, inoltre un’accurata lettura dei log della macchina ha smentito un attacco hacker alla fabbrica, inizialmente l’ipotesi più gettonata. Al momento quello che ha scatenato la presunta ira dei robot rimane un mistero.

Ovviamente il governo dittatoriale cinese ha censurato il tutto chiudendo il caso classificandolo come un semplice malfunzionamento.


Social Sharing

Autore dell'articolo: Admin

Lascia un commento